le verità nascoste(parte 7°)

Poi mio padre è uscito dalla depressione e le cose sono andate meglio.
Soprattutto perché il giorno di Pasqua di 2 anni fa la nostra vita è cambiata!
Mio padre esasperato dalla presenza del religioso di merda ha cominciato a bestemmiare in chiesa durante la messa ed è uscito portandomi con sé.
 Era veramente sul punto di lasciare mia mamma, di andarsene di casa ed è allora che mia mamma ha lasciato il gruppo.
Quello che è successo dopo è lungo e non merita di essere raccontato ma la conclusione è che il religioso è stato recentemente spedito in una clinica a curarsi per il suo delirio di onnipotenza e soprattutto non bazzica più in casa mia!
Ovviamente per i miei l'unico che ha sofferto della sua presenza è stato mio babbo abbandonato da mia mamma.. ma chi se ne frega, l'importante è che sia finita come volevo!

Ed eccomi qua. Vivo con i miei, per qualcuno viziata e coccolata, per altri in un ambiente ostile da evitare il più possibile. Fra me e i miei ci sono 40 anni di differenza, molta dell'insofferenza attuale deriva sicuramente dal divario generazionale.
Però ho smesso di sentirmi in colpa nei confronti di mio babbo, ora non ci parliamo e ci tolleriamo a fatica e anzi le uniche volte in cui mi rivolge la parola è per brontolarmi per le cose più inverosimili ma cerco di riderci su.

Anche le mie amiche hanno riso per giorni quella volta che trovandomi al telefono seduta sul pavimento IN CASA MIA mi ha urlato puntandomi il dito contro "se ti ritrovo a sedere per terra ti levo dal mondo"!
E anche quella volta che non mi ha chiesto neanche quanto avevo preso all'esame perché per studiare in silenzio avevo fermato il suo orologio a pendolo.
Non si può guardare Striscia la notizia mentre si mangia perché è un programma demenziale, durante la cena spesso ci impone di ascoltare la lettura dei libri che sta leggendo.
Poi c'e la questione della messa, che ovviamente sono una povera superficiale perché non ci vado (e menomale che la fede è una questione personale) e del cimitero, mi rimprovera di non andare al cimitero! E chi glieli metterà domani i fiori sulla tomba a lui e a mia mamma e ai miei nonni e a tutti i miei avi?! Ma vaff' , tutti i giorni a ricordarmi che morirà (e poi vagli a spiegare che io sono per la cremazione).

Non mi chiede mai cosa faccio, come sto, dove vado, l'ultima volta mi ha chiesto una cosa era se mi ricordavo il teorema di Talete perché i giovani d'oggi non sanno niente.
Mi fa un po' pena, è veramente solo, in casa nostra quando ero piccola si facevano cene con minimo 20 persone, ora non viene più nessuno.
Non credo che le barriere tra noi potranno mai cadere, io per prima non ci riesco, anzi non voglio.
Però so che c'è e che non mi abbandonerà mai. Paradossalmente è lui che mi ha insegnato l'amore per la vita, ammiro la sua forza e la sua indipendenza e vorrei che non si sentisse vecchio, perché è difficile accettare di non vedergli più quella forza vitale nello sguardo.
 

le verità nascoste(parte 7°)ultima modifica: 2005-11-25T14:38:00+01:00da dolcevera80
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento