la gatta sul tetto che scotta

è sabato sera e l'apice della mia serata sarà una tazza di cioccolata calda con dei biscotti, in quanto essendo nuovamente sotto esame (anzi, esami: 2 belli grossi nel giro di un mese, aiuto!) ho stabilito di sacrificare una serata che sarebbe stata all'insegna del divertimento allo studio.. e ovviamente poi tutti i buoni propositi sono andati a farsi benedire.

ma il mio umore è decisamente sollevato dalla presenza di mia mamma che nella stanza accanto ride come una pazza guardando la corrida e anche il programma della clerici durante la pubblicità, il che mi fa pensare che la sua situazione è decisamente più deprimente della mia…!

insomma, nonostante possa sembrare una povera sfigata stasera sono tranquilla e serena e appena riuscirò a restare sola mi fumerò pure una sigaretta, meglio di così..

quello che però mi tiene un po' in ansia stasera è questa domanda a cui non so dare risposta, riferita chiaramente alla mia situazione attuale:
è giusto costruire la propria felicità sull'infelicità di un altro ovvero senza guardare in faccia a nessuno, dimenticando valori che fino a poco tempo sembravano intoccabili e fondamentali?

..buona serata a tutti

la gatta sul tetto che scottaultima modifica: 2006-01-21T23:35:38+01:00da dolcevera80
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “la gatta sul tetto che scotta

  1. ciao bella… l’immagine di tua madre che ride con la tv è forte… però è meno deprimente di quanto pensi… una vera risata è in grado di esorcizzare qualunque male…. anche “l’oscurantis mo televisivo” … io non riesco più a guardarla… ma solo perchè non amo la menzognia… e la tv ne è il regno incontrastato.. . Io amo la verità… nuda, cruda, a volte dolorosa… trovo che sia bella, intima, e spettacolare… Non sto dicendo che deve essere tutto palese, scontato e manifesto… anche le bugie hanno un loro fascino… come sono affascinanti i misteri e le frasi lasciate a metà…. Quando mi hai detto “ho ritrovato la voglia di scrivere grazie a te” era una piccola bugia, che nascondeva grandi verità… e coglierle è stato un dialogo tra te e me… …La domanda che poni alla fine del tuo post è molto bella e ricca, ma in questo momento, avendo i postumi di un weekend impegnativo, sono troppo rincoglionito per poterti offrire una risposta degna di questo nome… ci risentiamo quando avrò riacquistato l’uso delle funzioni vitali! ciao un bacione e buon inizio settimana!!

  2. eccomi qua… leggermente più in forma, ma non ancora completamente ristabilito dal wekend… Tu sei del sud vero?…c’è un bel colore nelle tue parole… a volte io sono freddo, ma non lo faccio apposta… è il gelo di qui che ti entra dentro, ma spesso basta un sorriso o una parola a portare la primavera… …. Ti stavo dicendo… visto che hai fatto una domanda provo a dirti cosa ne penso. L’uomo e la donna sono due “cose” ben diverse -“bella scoperta” mi dirai tu- intendo dire che l’uomo ha esigenze e priorità ben diverse da quelle di una donna e ogni qualvolta si forma un’unione queste priorità vengono a collidere… da questa “collisione” nasce un attrito che si va a sommare alla tensione naturalmente esistente tra maschile e femminile… il risultato è che nascono delle domande del tipo “è giusto?” “non è giusto?” (ma se ti poni queste domande significa che sei già un passo avanti, perchè la maggioranza delle persone agisce e basta, non considerando che un’azione non supportata dalla consapevolezza, ha una durata relativa) Io credo che non esista un giusto o uno sbagliato … credo che esista un vero e un falso… un consapevole e un inconsapevole.. . e poi esistono i percorsi di vita che ognuno deve percorrere… Ma prima di tutto credo che ognuno è solo sulla terra e che solo con sè stesso -e se crede con dio- debba fare i conti… Ma è importante che li faccia a viso scoperto e senza mentirsi, perchè è molto facile dare la colpa all’altro … trovare in lui i difetti, le mancanze… Io non sono molto religioso, ma credo che una volta ogni tanto , battersi forte sul petto e dire “mea culpa” possa riportarci in contatto con il nostro essere e con le nostre responsabilità. – chiusa la rubrica : l’esperto risponde- posso dirti che ho sempre vissuto l’amore folle… quello che ti toglie il respiro e l’appetito… che ti fa partire all’improvviso e ti toglie il sonno…quello che ti fa dire “ma che caz.. sono i valori, i doveri?”… ma ora, dopo anni di brividi e adrenalina, vorrei trovare la donna per me… che sappia accettare la mia “follia” e che capisca che l’amore e la libertà possono convivere.
    ciao un bacione

  3. ciao, scusa se ho semicensurato il tuo commento -è una cosa che detesto- ma visti i contenuti e la possibilità per CHIUNQUE di leggere forse è meglio parlarne “privatamente ” scrivimi a questo indirizzo: ilmaredinotte@l ibero.it così ti rispondo…
    ps il tuo commento l’ho conservato integro con un taglia-incolla, ma puoi capire che è meglio non sia pubblico!!
    ciao un bacione

Lascia un commento